domenica 25 marzo 2018

stanza di compensazione giorno 122

ignazio, piazza garraffello

ogni mattina quando mi alzo con 7c o 8c, pioggia, vado giù in piazza e controllo i prezzi dei carciofi del sig ignazio. ogni giorno e pure la domenica. lui è senza stufa e senza una lampadina. lui cominciava a lavorare all'età di 5 anni al mercato della vucciria. quando io sono arrivato in piazza, lavoravano ancora 3 assistenti per lui. il suo stile del design è l'anima della vucciria, lo stesso stile dell'anima che costanza ed io abbiamo sviluppato nella stanza di compensazione per conservarlo.

in questi 122 giorni della occupazione della stanza di compensazione la polizia viene su da noi per portare denunce con l'indirizzo sbagliato oppure con il mio nome scritto falso. certo "uwe ti ama" sulla facciata del palazzo non c'è più da 122 giorni per copiarlo nel modo giusto sulla denuncia. però per entrare giù nel palazzo lo mazzarino devi sempre aprire il portone per la polizia la figlia privata del padre privato senza soldi del sindaco pubblico del progetto piazza garraffello residenziale della legalità italiana molto elastica. allora noi sentiamo sempre la voce molto bassa e nascosta della figlia quando apre il portone con la chiave e poi scappa veloce con le sue corte gambe nella macchina del padre e tutte 2 scappano veloci prendendo emozionati la strada in controsenso per non passare dalla piazza. però tutti hanno visto loro.

speriamo presto la brava figlia con un cappello e occhiali da sole apre il portone per la nostra polizia con un documento dello sgombero della stanza di compensazione con l'indirizzo e il mio nome scritti giusto per il nostro futuro della nostra citta. e forse lei si ferma a scrivere commenti lunghi su di me e sempre con un altro nome nascosto, che mi pare sono scritti da una che è stata nella scuola sempre in prima linea vicino al professore sempre pronta ad accusare i compagni. i tempi stringono.

domenica 18 marzo 2018

stanza di compensazione giorno 115

buongiorno eurozona

vi ringraziamo per i finanziamenti per la militarizzazione di 24 ore da 115 giorni in piazza garraffello e alla vucciria. però sappiamo bene che il cambiamento che la militarizzazione dovrebbe portare in piazza garraffello già è cominciata 10 anni fa. abbiamo tanti difetti nella burocrazia e siamo in verità molto orgogliosi di essere improduttivi e pure come zecche però adesso ci dobbiamo preparare per il programma di 24 ore dei nostri amati visitatori di pasqua. la militarizzazione spostiamola al depuratore d'acqua incompiuto del foro italico e qui siamo pronti per una nuova pioggia di soldi, mentre almeno alla vucciria siamo di nuovo produttivi in servizio per i nostri picciotti sorridenti e pure i cari cittadini.

⏩ http://www.rosalio.it/2018/03/20/finanziamenti-abusivi-a-palermo/

giovedì 15 marzo 2018

venerdì 9 marzo 2018

stanza di compensazione giorno 106

la stampa laura anello 9 marzo 2018

"l'artista austriaco" grazie bella italia che mi ricordate da 19 anni quasi ogni giorno che vengo dall'austria e per non dimenticare a noi siciliani che sono un austriaco ci servono gli italiani post laureati. mi pare che la sig laura anello come lei ha tagliato le mie risposte sempre a metà del senso o del non senso della movida, che lei ha comprato un appartamento a poco prezzo in zona e non puo dormire per il bordello notturno dei nostri tanti tanti giovani disoccupati. comunque libertà ai nostri giornalisti. però alle fine di questo articolo manca il messaggio profondo che ho chiaramente detto cosa riguarda anche la occupazione della stanza di compensazione: mi autoprocesserò per quel gesto, uscirò da questa casa, lascerò palermo e se dovessi vedere uno disperato del quartiere in austria o in germania, io comprerò per lui un biglietto aereo per farlo ritornare alla vucciria, a casa sua.

va bene. onestamente devo dire che non ho letto questo articolo, non mi andava con un titolo così e sono pigro.

ma stamattina l'ho letto perché un giorno dopo della pubblicazione di questo articolo la RAI di roma, la città capitale del turismo italiano, mi mandava un bravo e ambizioso reporter per fare un servizio sulla situazione della stanza di compensazione occupata, poi dei commercianti notturni e la militarizzazione costosissima che da mesi viene adottata alla vucciria, certamente il gruppo dei "privati" del sindaco, il fedele del sindaco, quello con i molli capelli bianchi, il naso lungo e alla fine un intervista al sindaco il grande esperto della pioggia dei soldi pubblici della eurozona. magari il reporter simpatico è stato un po colpito da quanta profondità assurda è stata dietro lo storto articolo della stampa e lui portava un ottimo servizio a roma e secondo me troppo forte nel controsenso di tutta questa situazione.

però il giorno dopo non è uscito il servizio nella RAI come era previsto. poi costanza ha preso la risposta dalla redazione della puntata di RAI che il servizio doveva essere tagliato per cancellare il senso, e mettere tutto un po in un'altro senso. non ho fiducia nella RAI dello stato, mai avevo. abbiamo deciso che la RAI doveva eliminare tutte le riprese con la faccia di costanza, la mia e della stanza di compensazione, perché non ho firmato la liberatoria. allora il servizio deve andare in onda con il sindaco, il fedele del sindaco, il gruppo del sindaco, la militarizzazione della vucciria e i commercianti notturni. tutti questi si muovono con i soldi pubblici e sono infiduciabili e senza rispetto. tranne i commercianti della vucciria. fine della squallida storia che mi porta l'italia adesso complice dell'anticultura e l'abuso dei soldi pubblici ue e non ue per mandare il popolo di palermo in germania, francia o londra o bergamo, parma e memmingen. adesso aspetto un'ordinanza di sgombero dalla stanza di compensazione firmata dal sindaco che sa parlare "finanziamento prestito sovvenzioni tanti prego elemosina continuamente" almeno in 30 lingue. amunì ramme l'ordinanza!

⏩ http://www.lastampa.it/2018/03/09/italia/cronache/lartista-austriaco-barricato-alla-vucciria-difendo-il-vecchio-mercato-dal-cemento-y5gly88tlEFNCKIdwJsgsM/premium.html

domenica 4 marzo 2018

stanza di compensazione giorno 101

"senza faccia, senza storia" con riguardo costanza lanza di scalea

Giulio Mazzarino 10 febbraio 2018 alle 11:57 E’ un peccato che l’autore si limiti a riportare la visione speculativa del sig. Jaentsch. Sarebbe preferibile che un settimanale così autorevole approfondisca meglio certi argomenti prima di dare giudizi su terzi, peraltro senza consentire alcuna replica. La visione di Jaentsch è infatti intenzionalmente volta a generare confusione, con la stessa tecnica con cui generano confusione alcune sue opere, come la scritta del 1943 su ruderi che non sono stati mai bombardati e la scritta “Banca” sull’edificio che mai fu banca. Tali interventi hanno lo scopo dichiarato di confondere cittadini e turisti e in questo non ci trovo nulla di ironico.
Sull’argomento vengono omessi da Jaentsch alcuni aspetti fondamentali. In primo luogo non si dice che gli edifici in questione sono pericolanti, con tanto di certificati di vari enti e, ogni tanto, al loro interno avvengono crolli, l’ultimo è stato circa otto mesi fa. I lavori di restauro non sono pertanto più procrastinabili.
Sarebbe bastata una foto della piazza per fornire delle indicazioni utili al lettore.
In secondo luogo si omette di dire che l’attuale movida notturna, non solo ha contribuito allo svuotamento dei pochi residenti ancora rimasti nel quartiere, ma è fonte di attività illecite legate alla criminalità organizzata. In questi ultimi anni, infatti, l’assenza di controlli ha attirato personaggi e affari loschi da tutta la provincia, garantendo lauti introiti e tanto degrado (basta fare una ricerca con i tag vucciria e mafia) .
Non si capisce poi come un esperto di comunicazione possa usare impropriamente il termine “gentrificazione” che ha un significato preciso e cioè di “sostituzione” della popolazione cosa che a Piazza Garraffello non avverrà visto che gli immobili sono disabitati, essendo inagibili.
A mio personale avviso l’unica speculazione amorale è messa in atto dal sig. Jaentsch a danno di un gruppo di cittadini che vuole restituire dignità ad un territorio profondamente vilipeso, legato alla identità e alla storia della città intera. Se proprio vogliamo dirla tutta, da quando il sig. Jaentsch ha messo piede in vucciria, molto è peggiorato. Le botteghe dell’antico mercato hanno continuato a chiudere lasciando il posto ad attività notturne di infimo rango, incuranti dei valori culturali del territorio, che hanno fatto letteralmente scappare i residenti storici ed impedito una adeguata manutenzione del patrimonio edilizio. La informo infine che proprio piazza Garraffello è da sempre legata al turismo. Palazzo Sperlinga e la loggia dei Catalani furono, fra l’800 e il ‘900, degli alberghi e già gli atti notarili del XIV secolo attestano la presenza di numerose locande che ospitavano viaggiatori e mercanti esteri approdati nell’antico porto che era a 100 metri di distanza dalla piazza. Capisco che è facile credere a chi si proclama artista “puro”, ma avverto che il sig. Jaentsch è prima di tutto un abile "scomunicatore" e che da questa attività trae innegabili vantaggi e profitti. All’autore, che invece è un esperto comunicatore (e non un giornalista), porgo uno spunto di riflessione: Di chi è Piazza del Garraffello? 
Giuseppe Piovasco di Rondò Sfugge il senso del discorso: Uwe rimarca il bello del cambiamento costante della piazza, e poi sembra osteggiare il primo vero cambiamento in decine di anni; confonde "imprenditore" con "architetto", ed evidentemente non sa che un fondo europeo (lo stesso che finanzia il restauro di decine di altri palazzi) non costituisce la totalità dell'investimento che, comunque, va anticipato con le proprie tasche. La Costanza Lanza di Scalea chiede che i palazzi vengano abitati dal "popolo" (mi chiedo cosa voglia dire) sfuggendole una idea concreta delle risorse necessarie per rendere abitabili quei luoghi. Poi esprime il timore per un cambiamento di respiro "europeo", sfuggendole completamente il fatto che la stessa piazza garraffello è un intervento radicale di respiro europeo avvenuto a metà del sedicesimo secolo e seguito da numerosi altri interventi anche più radicali. Il altre parole, più che critiche sostanziali (che sarebbero benvenute) mi sembrano dei capricci piuttosto infantili.
Uwe ti ama Giuseppe Piovasco di Rondò onestamente, ti piace il durex tropic tower?
Giuseppe Piovasco di Rondò Mi lascia assolutamente indifferente.
Uwe ti ama Per me invece è un'offesa come la vostra presenza
Giuseppe Piovasco di Rondò La "vostra presenza" di chi?
Uwe ti ama La presenza di Giuseppe Piovasco di Rondò

venerdì 2 marzo 2018

stanza di compensazione giorno 99

piazza garraffello appartamenti in vendita

c'è un cartello sul palazzo lo mazzarino: appartamenti in vendita con un numero cellulare. ho chiamato senza faccia con un nome falso "giuseppe giallongo" con l'idea di comprare l'appartamento all'ultimo piano. mi ha risposto una signora in una età matura e mi ha detto che ci sono pure altri appartamenti in vendita in 2 altri palazzi della piazza. però c'è un problema. l'artista uwe occupa ancora l'appartamento dell' ultimo piano e blocca tutti i lavori, non so se voi leggete i giornali? ho detto che non mi interessava più, perchè poco serio.